Tre capolavori della Collezione d’arte della Fondazione in mostra a Perugia

Giotto, Beato Angelico e Barnaba da Modena in prestito alla mostra Da Giotto a Morandi. Tesori d’arte di Fondazioni e Banche italiane, a cura di Vittorio Sgarbi

Sono tre le opere parte della Collezione d’arte della Fondazione CR Firenze esposte nella mostra Da Giotto a Morandi. Tesori d’arte di Fondazioni e Banche italiane, a cura di Vittorio Sgarbi, aperta fino al 15 settembre a Palazzo Baldeschi di Perugia e inaugurata pochi giorni fa.
Si tratta di alcune delle principali opere d’arte di proprietà della Fondazione, pertinenti al settore dei fondi oro e quindi rappresentative del periodo che va dal Trecento al primo Quattrocento: una piccola tavoletta di Giotto (1267 c.-1337) raffigurante San Francesco; una composita raffigurazione realizzata da Barnaba da Modena (notizie 1361-1383) con la Madonna del Latte e il Noli me tangere; la tavoletta con il Beato Domenicano opera di Beato Angelico (1395 c. – 1455), concessa in comodato al Museo di San Marco di Firenze.

L’esposizione è promossa e organizzata da Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e Fondazione Cariperugia Arte, con il patrocinio della Regione Umbria, del Comune di Perugia e dell’ACRI.