Terzo Settore, al via il bando ‘Social Crowdfunders 4’ e corsi di formazione

Le nuove iniziative a sostegno del Terzo Settore di Fondazione CR Firenze sono state presentate alle associazioni e organizzazioni nel corso dell’incontro ‘Nuove sfide per il Terzo Settore: Riforma e strumenti per l’Innovazione’

Un nuovo bando per la raccolta di fonti online e un pacchetto di corsi gratuiti per accompagnare le realtà non profit alle sfide del digitale. Li promuove la Fondazione CR Firenze, da anni impegnata nella crescita del Terzo Settore, all’interno del progetto Siamosolidali. Queste iniziative sono state presentate nel corso di un incontro intitolato ‘Nuove sfide per il Terzo Settore: Riforma e strumenti per l’innovazione’ promosso da Fondazione CR Firenze e Siamosolidali, in collaborazione con The Fundraising School e Cesvot. 

Fino al 20 marzo potranno essere presentate le domande per la quarta edizione del Bando ‘Social Crowdfunders’, il percorso di accompagnamento nella progettazione e nella realizzazione di campagne di raccolta fondi online promosso da Fondazione CR Firenze e daSiamosolidali, in collaborazione con Feel Crowd. Come nelle precedenti edizioni saranno selezionale cinque realtà non profit che potranno lanciare la propria campagna entro l’estate 2020.

Due le novità del bando: nella fase di selezione sarà data premialità alle idee promosse dalle associazioni composte in maggioranza da giovani under 35 e saranno premiate idee progettuali che affrontano le tematiche dell’innovazione sociale e della sostenibilità ambientale.

Il pacchetto di corsi gratuiti ‘Officina per il Terzo Settore’ è  promosso e finanziato da Fondazione CR Firenze all’interno di Siamosolidali, in collaborazione con The Fund Raising School, Aiccon – Associazione Italiana per la Cultura della Cooperazione e del Non profit, e Cesvot, che mette a disposizione la propria sede per i corsi a Firenze. Le iscrizioni partono da oggi fino al raggiungimento del numero massimo dei partecipanti e potranno partecipare tutte le organizzazioni non profit della Città Metropolitana di Firenze e delle province di Arezzo e Grosseto.

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA

Menu