Quattro raccolte fondi dall’incontro fra giovani e organizzazioni non profit

L’iniziativa ‘Social Innovation Jam 2′ ha coinvolto 14 giovani under 35 e quattro organizzazioni non profit. Al via la prima raccolta fondi per una linea di ceramica destinata a vincere la disabilità.

Una nuova linea di ceramica per offrire un’opportunità di lavoro a persone con disabilità, un’esperienza di storytelling per ragazzi in difficoltà, il riuso degli scarti della ceramica per arredi urbani a Montelupo Fiorentino e un progetto che sfrutta l’arte per parlare alla comunità. Sono le quattro campagne di crowdfunding che nascono dall’incontro e dal confronto di giovani e realtà non profit, all’interno del percorso Social Innovation Jam 2.
L’iniziativa, promossa dal progetto di Fondazione CR Firenze Siamosolidali, in collaborazione con Impact Hub Firenze e Feel Crowd, mira infatti a rafforzare il link tra le organizzazioni non profit e le nuove generazioni a partire dal raggiungimento di un obiettivo comune. Fondazione CR Firenze raddoppierà i fondi raccolti una volta raggiunta la metà dell’obiettivo prefissato dalle campagne fino a un massimo di 10 mila euro.

La prima raccolta fondi partirà venerdì 9 ottobre e sarà promossa da Made in Sipario, cooperativa sociale che offre opportunità di integrazione lavorativa a persone svantaggiate grazie a un laboratorio di artigianato dove Artisti Speciali decorano con creatività. Il progetto che verrà finanziato con il crowdfunding si chiama Speed UP Slow Tile. Si tratta di una linea di opere d’arte in ceramica progettata con l’archistar Simone Micheli che permetterà l’assunzione di un numero sempre più alto di ragazzi. I fondi raccolti serviranno alla realizzazione dei prototipi e alle attività di promozione della linea. Quello di Made in Sipario è uno dei quattro team coinvolti in ‘Social Innovation Jam 2’, composti da un’organizzazione e da 3-4 giovani under 35 con competenze differenti per dare una risposta alla sfida sociale posta.

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA

Menu