Piazza SS. Annunziata a Firenze: recupero e risanamento dell’area

Il Complesso della S.S. Annunziata rappresenta da secoli uno dei punti di riferimento della nostra storia religiosa e civile per il quale la Fondazione, firmando una convenzione con il Comune di Firenze, ha avviato dal 2015  un progetto complessivo di recupero che presenta i requisiti dell’Art-Bonus.

Infatti l’area si presentava in una situazione di degrado diffusa, dovuta a ristagno di umidità nella Basilica e alla relativa inadeguatezza e insufficienza degli impianti interni, ma anche ad un indebolimento strutturale dei prospetti sull’intera piazza causato dalle vibrazioni dovute al passaggio di automezzi e alla mancanza di un progetto complessivo di manutenzione programmata e di controllo di sicurezza.

Gli interventi di restauro e manutenzione, infatti, non hanno interessato solo la Basilica ma molti degli edifici di interesse storico-artistico che affacciano sulla piazza, in particolare:

  • il Convento SS Annunziata (Provincia toscana Ordine Servi di Maria)
  • la Cappella di S Luca (Accademia delle Arti del Disegno)
  • la Basilica della SS. Annunziata (FEC – proprietà; Comune di Firenze – gestione)
  • l’Oratorio San Francesco Poverino (Confraternita)
  • il Museo Archeologico Nazionale di Firenze (Polo Museale Regionale – MIBACT)

I risultati del progetto 2015/2019:

VALORIZZAZIONE DELLA BASILICA:

  • 000 mq ispezionati internamente
  • 960 mq di superfici da pulire (Chiostro)
  • restauro della cupola interna ed esterna
  • realizzazione del nuovo impianto elettrico
  • messa in sicurezza dell’interno della Basilica

RECUPERO ARCHITETTONICO DI UN’AREA URBANA COMUNE:

  • restauro e valorizzazione del Chiostro del Convento
  • restauro facciata Museo Archeologico
  • restauro facciata Oratorio San Francesco Poverino

COINVOLGIMENTO PROFESSIONISTI DEL TERRITORIO:

  • 2 cantieri scuola attivati/da attivare seguiti da professionalità esperte del settore
  • 10 ditte di restauro coinvolte

INNOVAZIONE METODOLOGICA DI PROGETTO:

  • 6 partner di progetto istituzionali coinvolti
  • Creazione di un modello di gestione progettuale duttile e replicabile nei numerosi casi di Ispezione interna ed esterna  del nostro Patrimonio Monumentale
  • Avvio di un modello di partenariato pubblico/privato replicabile
  • Attenzione alla sicurezza degli operatori
Menu