‘Il Giardino delle Imprese 3’, cerchiamo 50 studenti che vogliono reinventare il nostro futuro

Il campus si terrà online dal 22 giugno al 10 luglio con la possibilità di un fine settimana a Rondine Cittadella della Pace (Arezzo) in base all’evolversi dell’emergenza sanitaria. Il team dei vincitori riceverà una borsa di studio e l’accompagnamento alla realizzazione del proprio progetto attraverso il crowdfunding

Al via il nuovo bando per partecipare al ‘Giardino delle Imprese 3’ che, quest’anno, si sposta online con il sottotitolo ‘Idee. Giovani. Comunità’: tre parole chiave che accompagneranno i ragazzi in un percorso di alta formazione per sviluppare il loro spirito imprenditoriale e plasmare il nostro domani.

Il campus avrebbe dovuto svolgersi a Rondine Cittadella della Pace, un borgo medievale a pochi chilometri da Arezzo, protagonista nella trasformazione creativa dei conflitti ad ogni livello, ma l’emergenza sanitaria ha costretto la revisione dell’iniziativa che si svolgerà a distanza dal 22 giugno al 10 luglio, con la possibilità a seconda dell’evolversi dell’emergenza sanitaria di un fine settimana a Rondine, a luglio o a settembre.
Il Giardino delle Imprese è promosso da Fondazione CR Firenze e Fondazione Golinelli con la collaborazione di Rondine Cittadella della Pace, dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana, e, Murate Idea Park, INDIRE e IUL.
Un percorso formativo e di orientamento unico ma anche un’occasione di riflessione e relazione unica per i giovani che con il lockdown hanno visto la loro quotidianità e la loro dimensione sociale totalmente stravolte.

Potranno partecipare al campus, interamente gratuito, 50 studenti iscritti al 3° e al 4° anno delle Scuole secondarie di II grado delle Province di Firenze, Arezzo e Grosseto, che entreranno a far parte della community Campus Giardino delle Imprese, uno spazio di condivisione e di confronto su tematiche di interesse comune. L’ambiente e la persona sono i temi alla base del progetto che, quest’anno, ha una particolare declinazione sui beni comuni, ovvero quei beni che per essere valorizzati hanno bisogno che un’intera comunità se ne prenda cura. Per partecipare è necessario presentare la propria candidatura attraverso il form online. Le domande possono essere presentate fino al 5 giugno.

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA

Menu