Attenzione: in seguito alle raccomandazioni dell’Autorità sanitaria in materia di Coronavirus (COVID-19), l’accesso alla mostra è momentaneamente sospeso fino a nuove comunicazioni.

Nell’ambito del programma IN COLLEZIONE, per la valorizzazione e l’apertura al pubblico della propria Collezione d’arte, la Fondazione CR Firenze espone il nucleo di  16 dipinti di Giovanni Domenico Ferretti (1692-1768) raffiguranti i “Travestimenti di Arlecchino” in occasione del restauro appena concluso.

L’iniziativa presenta uno dei soggetti iconografici più amati del Settecento, Arlecchino, appunto, che ha reso celebre il fiorentino Giovanni Domenico Ferretti, facendolo diventare una delle figure chiave della pittura italiana del Settecento. Prendendo spunto da spettacoli della Commedia dell’Arte, le tele mostrano scenette in cui la maschera bergamasca è autore di burle o di fatti giocosi, eredi di quel filone della pittura ‘caricata’ che fin dal Seicento caratterizzava la cultura fiorentina.

Per rendere maggiormente godibili le tele di Ferretti, e comprendere la loro portata innovatrice, alle opere esposte sono stati affiancati anche documenti e repliche, che contribuiscono ad apprezzare la fortuna di tali soggetti, e l’amore dimostrato per le maschere soprattutto durante il Carnevale.

INIZIATIVA PROMOSSA
E ORGANIZZATA DA
Fondazione CR Firenze

PERCORSO ESPOSITIVO A CURA DI
Fabio Sottili

INGRESSO GRATUITO

26 febbraio – 31 maggio 2020
Spazio Mostre Fondazione CR Firenze
Via Bufalini 6 – Firenze

L’esposizione è visitabile tutti i giorni, orario 10-18
Chiusa il 12 e 13 aprile; 1° maggio

INFO E PRENOTAZIONI

Tel. +39 055 5384 001
incollezione@fcrf.it

Giovanni Domenico Ferretti, Pulcinella con zuppiera, Collezione privata
Giuseppe Zocchi, Veduta di Lung’Arno, e del Ponte a S. Trinita presa dal Terrazzo de’ SS.ri Rucellai, Fondazione Biblioteche CR Firenze
Baccio del Bianco, Due nani, Collezione privata
Giuseppe Zocchi Pantalone e Arlecchino, Firenze Biblioteca Riccardiana
Giuseppe Zocchi, Veduta di Lung’Arno e del Ponte a S. Trinita presa dal Terrazzo de’ SS.ri Rucellai, Fondazione Biblioteche CR Firenze
Baccio del Bianco, Due nani, Collezione privata
Giovanni Domenico Ferretti Arlecchino maestro di danza, Collezione Enrico Frascione
Giovanni Domenico Ferretti Arlecchino respinto dall'amante, Collezione Enrico Frascione
Giovanni Domenico Ferretti, Autoritratto, Collezione Castello di San Martino in Soverzano
Giuseppe Soresina Cabreo con prospetti e piante della Casa della Commenda del Santo Sepolcro a Ponte Vecchio (1759-60), Archivio di Stato di Firenze
Lorenzo Tiepolo Ritratto di donna mascherata (1760), Collezione Enrico Frascione
Giovanni Domenico Ferretti, Autoritratto (1719), Firenze Gallerie degli Uffizi
Thomas Patch L’Arno agli Uffizi durante il Carnevale, Fondazione CR Firenze
Giovanni Domenico Ferretti, Arlecchino con Arlecchina, Fondazione CR Firenze
Giovanni Domenico Ferretti Arlecchino studioso, Fondazione CR Firenze
Giovanni Domenico Ferretti Arlecchino reduce di guerra, Fondazione CR Firenze
Giovanni Domenico Ferretti Arlecchino respinto dall'amante, Fondazione CR Firenze
Giovanni Domenico Ferretti Arlecchino padre di famiglia, Fondazione CR Firenze
Giovanni Domenico Ferretti Arlecchino brigante, Fondazione CR Firenze
Giovanni Domenico Ferretti Arlecchino medico, Fondazione CR Firenze
Giovanni Domenico Ferretti Arlecchino maestro di danza, Fondazione CR Firenze
Giovanni Domenico Ferretti Arlecchino aggredito dall'amante, Fondazione CR Firenze
Giovanni Domenico Ferretti Arlecchino cuoco, Fondazione CR Firenze
Giovanni Domenico Ferretti Arlecchino ricamatore, Fondazione CR Firenze
Giovanni Domenico Ferretti Arlecchino ghiottone con la famiglia di Pulcinella, Fondazione CR Firenze
Giovanni Domenico Ferretti Arlecchino campagnolo, Fondazione CR Firenze
Giovanni Domenico Ferretti Arlecchino pittore, Fondazione CR Firenze
Giovanni Domenico Ferretti Arlecchino servo imbroglione, Fondazione CR Firenze
Giovanni Domenico Ferretti Arlecchino smascherato, Fondazione CR Firenze
Anonimo (da Giovanni Domenico Ferretti), Arlecchino pittore, Museo Stefano Bardini Firenze
Anonimo (da Giovanni Domenico Ferretti), Arlecchino reduce di guerra, Museo Stefano Bardini Firenze
Anonimo (da Giovanni Domenico Ferretti), Arlecchino smascherato, Museo Stefano Bardini Firenze
Carl Gustaf Hjalmar Mörner, Ballo nella strada, dal volume Il Carnevale di Roma, Biblioteca Marucelliana Firenze
Giovanni Domenico Ferretti (disegnatore), Francesco Bartolozzi (incisore), Arlecchino pittore, Biblioteca Marucelliana Firenze
Giovanni Domenico Ferretti (disegnatore), Francesco Bartolozzi (incisore), Arlecchino reduce di guerra, Biblioteca Marucelliana Firenze
Giovanni Domenico Ferretti (disegnatore), Francesco Bartolozzi (incisore), Arlecchino ricamatoree, Biblioteca Marucelliana Firenze
Giovanni Domenico Ferretti (disegnatore), Francesco Bartolozzi (incisore), Arlecchino smascherato, Biblioteca Marucelliana Firenze
Giovanni Domenico Ferretti, Nani in un paesaggio, Collezione privata
Giovanni Domenico Ferretti, Nani in un paesaggio, Collezione privata
Giovanni Domenico Ferretti, Nani nei costumi della Commedia dell'arte, Collezione privata
STEFANO DELLA BELLA, Buffetto in costume da Zanni. Firenze, Biblioteca Marucelliana

Il Gabinetto degli Arlecchini

I travestimenti di Arlecchino furono realizzati nel Settecento da Giovanni Domenico Ferretti fra il 1746 ed il 1749.

Il committente fu il nobile senese Orazio Sansedoni, Direttore Generale dei boschi in Toscana e consigliere delle finanze del granduca Francesco Stefano di Lorena, il quale per esporli allestì uno specifico “Gabinetto degl’Arlicchini” nella sua residenza fiorentina presso la Casa della Commenda del Santo Sepolcro, posta sull’angolo di Ponte Vecchio verso Oltrarno. Un ambiente in cui anche la tappezzeria della mobilia (sgabellotti, sedie e canapè) celebrava Arlecchino con una stoffa di seta a scacchi colorati, e dove si trovavano appesi alle pareti anche opere di Gaspare Lopez, Francesco Gambacciani e della pittrice Violante Siries.

Il restauro

L’ultimo restauro delle sedici tele di Giovanni Domenico Ferretti è riconducibile al 1984, anno in cui esse furono acquistate dalla Cassa di Risparmio di Firenze, per poi approdare alla Collezione della Fondazione nei primi anni Duemila.

Il nucleo di opere viene esposto adesso a termine di un complessivo programma di restauro che ha riportato in luce una preziosa gamma di colori da tempo offuscata, favorendo la corretta lettura di una sequenza di composizioni perfettamente integrate nel gusto dei capricci e delle eleganze ricercate anche dai committenti toscani di metà Settecento.

Un recupero di notevole qualità che, con questa occasione, ci permette di presentare gli esiti di un intervento di restauro e di rendere fruibile alla comunità cittadina un’ulteriore parte della nostra Collezione d’Arte.

ARLECCHINO SERVO IMBROGLIONE, UV TEST PULITURA, NOV 2019
ARLECCHINO SERVO IMBROGLIONE, LD TEST PULITURA, NOV 2019
ARLECCHINO REDUCE DALLA GUERRA, LD PRIMA DEL RESTAURO, NOV 2019
ARLECCHINO GRAN SIGNORE, LD TEST PULITURA, NOV 2019
ARLECCHINO GRAN SIGNORE, UV TEST PULITURA, NOV 2019
ARLECCHINO REDUCE DALLA GUERRA, IN CORNICE DOPO RESTAURO, FEB 2020
ARLECCHINO GRAN SIGNORE, IN CORNICE DOPO RESTAURO, FEB 2020
ARLECCHINO GRAN SIGNORE, LD PRIMA RESTAURO, NOV 2019
ARLECCHINO REDUCE DALLA GUERRA, UV TEST PULITURA, NOV 2019
ARLECCHINO SERVO IMBROGLIONE LD PRIMA DEL RESTAURO, NOV 2019
ARLECCHINO REDUCE DALLA GUERRA LD TEST PULITURA, NOV 2019
ARLECCHINO SERVO IMBROGLIONE_IN CORNICE DOPO RESTAURO, FEB 2020

La mostra

Ingresso e visite guidate gratuite

L’iniziativa è a ingresso libero e offre a gruppi di visitatori visite guidate gratuite solo su prenotazione e su appuntamento (min. 10 max 30 persone).
Per i gruppi, le scuole, le associazioni che volessero visitare il percorso espositivo accompagnati da un’operatore è disponibile un servizio di info e prenotazioni per concordare il giorno e l’orario più adatto.

SOLO SU PRENOTAZIONE E FINO AD ESAURIMENTO DEI POSTI DISPONIBILI 

tel. +39 055 5384001
mail incollezione@fcrf.it

Orari di visita
26 febbraio – 31 maggio 2020
tutti i giorni, orario 10-18
Chiusa 12 e 13 aprile; 1° maggio.
Ingresso gratuito

Visite guidate gratuite per gruppi di visitatori
solo su prenotazione e fino
ad esaurimento dei posti disponibili
Tel. +39 055 5384 001
incollezione@fcrf.it

Informazioni
Tel. +39 055 5384001
in collezione@fcrf.it

YouTube
Instagram

@fondazionecrfirenze

Mostra promossa e organizzata da

Menu