Attivati 50 centri estivi per combattere le conseguenze della pandemia su bambini e ragazzi

Le iniziative nella Città Metropolitana di Firenze, e nelle province di Arezzo e Grosseto sono attivate grazie ai bandi ‘E-state Insieme 3’ e ‘Doposcuola’ di Fondazione CR Firenze, con un sostegno complessivo di 850 mila euro.

Sono 50 i centri estivi che saranno attivati fra giugno e settembre grazie ai due bandi tematici “Doposcuola’ e ‘E-state Insieme 3’ di Fondazione CR Firenze. Un’ampia offerta di attività formative e ludiche per combattere gli effetti negativi negli studenti delle primarie e secondarie della Città di Firenze e delle Province di Arezzo e Grosseto. L’obiettivo è il recupero delle competenze perse durante i periodi di interruzione delle lezioni in presenza e la perdita di socialità dovuta alle misure di restringimento anti-covid. La Fondazione ha sollecitato la progettualità dei centri estivi mettendo a disposizione un totale di 850 mila euro di risorse per la loro realizzazione (500 per il bando ‘E-state Insieme 3’ e 350 mila per ‘Doposcuola’).

Le iniziative hanno coinvolto 91 scuole, 48 tra comuni e enti pubblici e ben 180 associazioni del Terzo Settore. Uno dei requisiti progettuali richiesti era l’attenzione alla fragilità: ogni iniziativa è gratuita per bambini e ragazzi provenienti da famiglie con ISEE inferiore a 20 mila euro e particolare attenzione nell’offerta è stata data alla disabilità e alla diversità. In questo portale è possibile visionare l’elenco di tutti i centri estivi attivati con ‘E-state Insieme 3’ e ‘Doposcuola’. Le famiglie e gli stessi ragazzi potranno così operare la propria scelta in base a interessi personali, necessità o addirittura zona di riferimento e orari di copertura del servizio.

LEGGI IL COMUNICATO STAMPA

Menu