Beneficenza e Filantropia

Solidarietà e pubblico interesse

Linee di intervento per questo settore

 Sostegno al miglioramento e messa a norma delle strutture scolastiche, con particolare attenzione a quelle dedicate alla prima infanzia;

 Promuovere percorsi volti ad informare ed orientare giovani nelle scelte scolastiche e professionali che facciano proprie le migliori prassi a livello europeo e che siano il risultato di progettazioni partecipate;

 Stimolare la costruzione di buone prassi volte a contenere la dispersione scolastica;

 Alimentare la crescita culturale dei giovani attraverso la creazione di opportunità educative che incidano sulla crescita qualitativa del sistema scolastico;

 Costruzioni di modelli formativi atti a potenziare l’esperienza legata all’alternanza scuola-lavoro;

Sviluppo di percorsi di rafforzamento delle competenze per docenti e studenti. I progetti devono prevedere il riconoscimento di crediti formativi e focalizzati, in forma prioritaria, sulle seguenti tematiche:

  1. principi dell’inclusione didattica (Piani Didattici Personalizzati) e didattica innovativa,
  2. temi legati all’educazione sociale e civica, ai diritti umani e alla cittadinanza,
  3. sviluppo e gestione di un progetto e metodi di gestione della classe.

Da novembre 2016 sarà attivo il Bando Pins, in cui sarà possibile presentare progetti (solo per la scuola primaria e secondaria di I grado)

  • per l’acquisto di nuove tecnologie digitali per la didattica, per il potenziamento dei laboratori scolastici
  • per il potenziamento delle ore di compresenza, per garantire risposte efficaci a studenti con bisogni educativi speciali

Assistenza e qualità della vita delle categorie socialmente svantaggiate e promozione delle attività volte all’integrazione e alla coesione sociale. In questo ambito lo scopo è proseguire sia le tradizionali attività di assistenza verso le categorie socialmente svantaggiate (anziani, donne, minori, diversamente abili) sia la promozione di attività di assistenza e inclusione sociale rivolte a soggetti in condizioni di marginalità (immigrati, carcerati, indigenti) attraverso la promozione di azioni che ne migliorino le condizioni di autosufficienza;

 Particolare attenzione sarà dato a quelle iniziative che siano in grado di sviluppare soluzioni efficaci alle problematiche legate al “durante noi” e al “dopo di noi”, ovvero progetti volti alla creazione di strutture di accoglienza in grado di garantire un percorso di vita autonoma delle persone con disabilità, e a quelle iniziative che promuovono soluzioni al problema del “welfare di prossimità”, ovvero che propongono la creazione di strutture sanitarie (ambulatori) o riabilitative decentrate rispetto ai servizi sanitari centrali. Particolare attenzione verrà riservata a quei progetti volti alla tutela di donne e minori;

Edilizia sociale. Sviluppo di interventi volti ad integrare la messa a disposizione di alloggi con la gestione di politiche di accompagnamento dei soggetti fragili;

Attività di sostegno a progetti volti a risolvere le problematiche all’emergenza alimentare. In questo ambito lo scopo è da un lato proseguire nelle tradizionali attività di sostegno a quelle Associazione che tradizionalmente operano in questo settore, dall’altro sviluppare progetti educativi e formativi riguardo al fenomeno dello spreco alimentare;

 Attività di sostegno alle famiglie: da un lato sviluppare una serie di azioni volte a dare una risposta alle nuove povertà: eventi dovuti a malattie improvvise, perdita del lavoro, la fine di un rapporto di coppia, possono far precipitare alcuni soggetti in una situazione ingestibile. Attivare percorsi di ricerca del lavoro, riqualificazione professionale, accompagnamento sono le azioni per recuperare le persone espulse dal mercato del lavoro, i detenuti usciti dal sistema penitenziario e i rifugiati. Dall’altro attraverso l’istituzione di servizi sia di assistenza di soggetti colpiti da malattie particolari inseriti nel contesto familiare.

Referente

Edoardo Ristori

Tel. 055 5384414

COME PRESENTARE UN PROGETTO

siamosolidali

Il network dove chiedere e offrire aiuto in Toscana

 

 

Torna su